Home > Storia > I frumenti Strampelli nella battaglia del grano

19.4 La scienza di Strampelli e il Fascismo

I frumenti Strampelli nella battaglia del grano

Questo ci introduce direttamente al tema dell’aumento di produzione frumentaria in Italia nel periodo della battaglia del grano.
Al di là di ogni interpretazione,il dato inconfutabile è che in Italia nel periodo della battaglia del grano la produzione media annua passò da 55 milioni di q.li nel 1922-23, ai 75 milioni di q.li nel 1936-39.
Abbiamo visto come l’aumento della superficie cerealicola non può aver inciso in modo determinante, tanto che, considerando la produzione media nazionale, e l’aumento di superficie granaria, possiamo affermare che questa abbia inciso per non più di 1/4 del surplus produttivo.
Meccanizzazione, aumento dei fertilizzanti chimici, e altre forme di razionalizzazione colturale, hanno avuto anch’essi un ruolo di sostegno, ma di certo non tale da spiegare l’aumento complessivo.
L’altra variabile che è stata largamente ignorata, è stata quella delle razze elette che proprio in quegli anni trovarono un loro progressivo impiego.
Più che di maggiore aumento, possiamo parlare, soprattutto per quanto concerne il nord, di vera e propria sostituzione globale delle sementi tradizionali con quelle elette.
Resta da chiarire l’incidenza dei grani creati da Nazareno Strampelli in tale processo.
I risultati della nostra indagine in questo senso, che ci ha portato ad accumulare dati per ogni provincia d’Italia, e per ognuno dei grani Strampelli utilizzati non lascia dubbi in tal senso.
Parlare di razze elette vuol dire parlare sostanzialmente dei frumenti che Nazareno Strampelli aveva creato presso il suo laboratorio di Rieti, e che in questa occasione trovarono la loro applicazione pratica.
I grani Strampelli e le altre varietà minori elette, non entrarono subito nel vivo della battaglia del grano.
Strampelli, come abbiamo visto, aveva creato le sue varietà a Rieti nell’arco del quindicennio precedente alla battaglia del grano, ma i suoi frumenti fissati e riprodotti, erano utilizzati solo marginalmente, fatta eccezione per il Carlotta che egli pubblicò nel 1914.
Al momento dell’inizio della battaglia del grano, sulle campagne italiane si coltivava su una superficie di appena 175.000 ettari solo l’Ardito, mentre per il resto, come si deduce dalla tavola seguente relativa al 1927, dominavano pressoché esclusivamente le vecchie razze di frumento.

PRINCIPALI GRANI COLTIVATI IN ITALIA NEL 1927
TIPO DI GRANI SUPERFICIE
Ha. % SULLA SUPERFICIE
GRANARIA
GRANI TENERI
Gentil Rosso 999.201 21,32
Todaro 48 270.298 5,77
Bianchetta 121.708 2,60
Maiorca 129.612 2,77
Carosella 170.572 3,64
Inallettabile e razze derivate (5 entità.) 169.118 3,61
Cologna e razze derivate (4 entità.) 243.172 5,15
Rieti e razze derivate (2 entità) 271.014 5,78
Ardito Strampelli 175.807 3,75
Rosetta (Maiorca rossa) 60.730 1,30
Risciola 72.770 1,55
Romanello 200.877 4,29
GRANI DURI
Saragolle (4 entità) 200.097 4,27
Russie (2 entità) 174.501 3,72
Realforte (siciliano) 83.605 1,78
Samartinara (siciliano) 105.346 2,25

PRINCIPALI VARIETÀ DI FRUMENTO COLTIVATE NELLE DIVERSE REGIONI NEL 1927
DATI % SULLA SUPERFICIE GRANARIA REGIONALE
GENTIL ROSSO TODARO 48 BIANCHETTO MAIORCA CAROSELLA INALLETTABILE E DERIV. COLOGNA E DERV. RIETI E DERIV ARDITO STRAMPELLI ROSETTA RISCIOLA ROMANELLO SARAGOLLE RUSSIE REALFORTE SAMMARTINARA
PIEMONTE 38,16 5,54 - - - 1,74 25,05 9 5,5 - - - - - - -
LIGURIA 23,28 5,25 - - - 2,80 - 18,26 0,72 - - - - - - -
LOMBARDIA 32,40 18,71 - - - 12,85 16,09 6,07 - - - - - - -
VENETO 42,28 13,27 - - - 5,65 15,59 14,95 - - - - - - -
VEN. TRIDENTINA 10 5 - - - 3 12 3 3 - - - - - - -
VENEZIA GIULIA 9,37 33,81 - - - 2,57 9,05 2 5,24 - - - - - - -
EMILIA 27,80 15,28 - - - 18,89 11,10 9,24 14,52 - - - - - - -
TOSCANA 57,33 1,99 - - - 1,35 0,67 6,70 0,73 - - - - - - -
MARCHE 57,06 6,39 - - 21,84 4,56 - 5,10 1,76 - - - - - - -
UMBRIA 55 5 - - - - 25,05 - - - - - - -
LAZIO - 15,06 - - - - 15,06 8,09 - - 30 8 - -
ABRUZZI E MOLISE 8 3,25 1,28 - 10,26 - - 18 - - 5,50 33,30 - -
CAMPANIA 3,19 - - - 3,52 - - 2,08 0,81 5 6,35 45,79 12,55 - -
PUGLIA - - 28,52 23,05 3,62 - - - - 5,83 5,57 - 6 6 -
BASILICATA - 1,11 10,26 - 8,09 - - - - 8,52 10 - 8 11,43 -
CALEBRIE - - - 11,91 19,87 - - - 0,57 6 - - - 38,43 -
SICILIA - - - 3,44 - - - - - - - - - 8,85 12,33 15,53
SARDEGNA - - - - - - - - - - - - - - - -

La mossa vincente di Strampelli, in qualità di membro del Comitato permanente del grano, fu quella del decreto legge del 29 luglio 1925 n. 1314, indirizzato appunto agli incoraggiamenti economici per la produzione e diffusione delle sementi elette.
Strampelli da sempre si era preoccupato della diffusione dei suoi frumenti, consapevole che non era sufficiente la loro creazione se poi non se ne fossero seguite tutte le fasi, dalla moltiplicazione alla diffusione, per finire con le tecnologie di panificazione.
Fu lui ad ispirare fin dal 1905 a Rieti la nascita dell’Unione produttori grano da seme, e quindi nel 1924 dell’ Associazione reatina sementi che in seguito al decreto legge del 1925, si trasformò in Associazione riproduttori sementi.
Egli aveva compreso che il solo lavoro scientifico, al di là degli apprezzamenti che generava, era ben poca cosa se poi i suoi grani non si fossero conquistati uno spazio nel mondo produttivo reale del paese, e di certo va accreditato a lui il decreto legge con cui si impiantarono sette stabilimenti per la produzione e distribuzione di sementi elette, uno delle quali fu appunto l’ARS di Rieti.
Il decreto prevedeva un contributo del 50% da parte dello stato per l’impianto di tali strutture, mentre un contributo del 25% fu concesso per l’impianto di stabilimenti sostanzialmente simili indirizzati specificatamente ad aree non coperte dai primi sette ,come quelli che sorsero a Venezia e Firenze.
Venne quindi avviata su larga scala una operazione che assunse il nome di "cambio delle sementi", cioè a dire una distribuzione agli agricoltori di sementi elette con la clausola di seminarle, e con un accordo con i singoli agricoltori, che avrebbero dovuto versare una uguale quantità di grano comune a quello ricevuto, o acquistarlo pagando la differenza di prezzo tra le sementi elette e quelle tradizionali.
La legge, dopo un minimo di rodaggio iniziò ad incidere, e negli anni successivi , come si può dedurre dalla tavola seguente, i frumenti eletti ed in modo particolare quelli Strampelli, iniziarono a conquistare spazi sempre più significativi della superficie granaria nazionale.ANDAMENTO DELLA PERCENTUALE DI UTILIZZO DELLE SEMENTI ELETTE DAL 1930 AL 1934
NORD CENTRO SUD ISOLE TOTALE
1930 64,1 23,4 22,3 7,2 37,5
1931 74,7 34,6 21,6 10,8 46,0
1932 82,4 48,5 28,7 22,1 54,9
1933 93,0 66,8 34,0 25,1 58,2
1934 93,3 76,6 44,0 23,5 61,7
Che quando si parla di razze elette si parli prevalentemente di grani creati da Nazareno Strampelli si evince dalla loro percentuale sul complesso delle varietà elette coltivate nelle singole regioni.
Nel 1932, ad esempio, la percentuale dei grani Strampelli sul totale della varietà elette coltivate Sardegna era del 100%, 99,3% in Calabria, 98,1% in Basilicata, 96,6% in Lombardia, 94,6% in Puglia, 94,4% nella Venezia Euganea e cosi via, come si vede dalla tavola seguente, nella quale appare evidente come, a differenza del 1927 quando in Italia erano coltivati meno di 200 mila ettari con il frumento Ardito, i grani creati a Rieti si erano già conquistato un posto di straordinario significato sulla superficie complessiva granaria delle singole regioni.

% DI IMPIEGO DEI GRANI STRAMPELLI NEL 1932

REGIONI SUL TOTALE DELLA SUPERFICIE GRANARIA
I SUL TOTALE DELLA SUPERFICIE A RAZZE ELETTE
PIEMONTE 52,4 85
LOMBARDIA 87,5 96,9
VENEZIA TRIDENTINA 27,3 37,4
VENEZIA EUGANEA 79,6 94,9
VENEZIA GIULIA 37,7 65
LIGURIA 17 59,5
EMILIA 72,1 88,3
TOSCANA 15,6 39,2
UMBRIA 26,2 60
MARCHE 19,1 47,1
LAZIO 22,9 48,6
ABRUZZI E MOLISE 21,3 89,5
CAMPANIA 18,1 80,1
PUGLIA 31,7 94,6
BASILICATA 22,5 98,1
CALABRIA 32,9 99,3
SICILIA 16 80,9
SARDEGNA 16,5 100

Anche incrociando i dati con la produzione media per ettaro, si nota come questa sia cresciuta nettamente in funzione dell’introduzione dei grani Strampelli che è difficile considerare come uno degli elementi che concorsero all’aumento della produttività, quanto come la vera variabile che la consentì, supportata dall’impiego di una migliore meccanizzazione, e da un più adeguato utilizzo dei fertilizzanti.
AUMENTO DELLA PRODUZIONE MEDIA PER ETTARO DEL FRUMENTO IN ITALIA IN RELAZIONE ALL’INTRODUZIONE DEI GRANI STRAMPELLI. CONFRONTO 1926-1932
1926 1926 1932 1932
GRANI STRAMPELLI
PRECOCI
% SULLA SUPERFICIE TOTALE PRODUZIONE
MEDIA X ETTARO
Q.li GRANI STRAMPELLI
PRECOC I% SULLA
SUPERFICIE TOTALE PRODUZIONE
MEDIA X ETTARO
Q.li
ITALIA DEL NORD 9,8 16,2 70,4 22,5
ITALIA CENTRALE 1,6 10,6 20,4 12,8
ITALIA MERIDIONALE 0,3 10,5 27,2 11,3
SICILIA 0 9,7 16 11,7
SARDEGNA 0 10 16,5 11,1

Strampelli era del tutto consapevole di questo, tanto che nel 1937 ebbe a sostenere:
E qui, chi scrive, per quanto parte in causa, non può (fare) a meno di parlare sia pur brevissimamente, dei progressi e delle conquiste che nel campo della genetica applicata alla cerealicoltura si erano frattanto già andati affermando, e di ulteriori si preparavano, per dare alla granicoltura italiana quali armi sempre più perfezionate, costituite dalle nuove varietà di frumento, che si sono poi via via dimostrate (e, su tute, quelle precoci), il fattore dominante del progresso produttivo
E più oltre:
Dopo undici anni di Battaglia del Grano, e di risultati inoppugnabili, non sarà giudicata immodesta l’affermazione che, per far fare un salto alla produzione granaria italiana, occorrevano le nuove varietà che essa ha avuto ed ha a disposizione, e che, nella scala dei valori da attribuirsi ai vari fattori tecnici, determinanti il progresso raggiunto, il primo posto va assegnato alle varietà precoci di frumento
D’altra parte che i frumenti Strampelli avrebbero recitato un ruolo determinante nella battaglia del grano, lo testimoniano i risultati che ottenevano nei diversi concorsi e gare che si moltiplicarono nel paese, come quello bandito dalla Cassa di risparmio delle province lombarde nel quale, le prime otto aziende classificate ubicate nelle province di Brescia, Pavia, Cremona e Bergamo, avevano utilizzato tutte frumenti Strampelli, e precisamente il Villa Glori, il Mentana e l’Ardito, raggiungendo produzioni di oltre i 50 q.li per ettaro.
E con i frumenti Strampelli fu vinta la gara per la maggiore produzione unitaria che si tenne tra le province di Brescia e Cremona , sulla quale si concentrò l’attenzione di numerosi agronomi del tempo.
Alla fine risultò vincitore Alessandro Cremonesi di S.Zeno sul Naviglio che riuscì ad ottenere una produzione di 60,90 q.li per ettaro con il Mentana, e di 61,35 con il Villa Glori.
Tutta la pubblicistica del tempo mise in evidenza il fondamentale ruolo dei frumenti Strampelli.
Alessandro Rota cosi si esprimeva nel 1929:
Sono le varietà precoci quelle che tengono trionfalmente la palma, [ ….] raggiungono produzioni che hanno in alcuni casi del miracoloso. Le varietà precoci , e fra queste, in ordine di merito, Villa Glori, Mentana, Ardito, se è vero che sono capaci dei più alti redditi, è altrettanto vero che hanno esigenze speciali e vogliono essere trattate con criteri e con mezzi molto diversi da quelli fin qui prevalsi per le varietà comuni.
Nel 1940 le razze elette avevano pressoché ovunque sostituito le vecchie varietà di frumento, e sempre più massiccia era la percentuale dei frumenti Strampelli tanto che ormai, in base ai dati che abbiamo elaborato, oltre il 51% della superficie granaria nazionale era coltivata con i frumenti creati dallo scienziato reatino, e il dato è certamente da ritenersi sottodimensionato se si tiene conto che molti ispettorati agrari risposero all’indagine condotta dal Ciferri sulle varietà cerealicole coltivate in Italia, rinviando alla voce "altri" notevoli percentuali di territorio coltivate con vari frumenti, gran parte dei quali, elencati nelle risposte, erano ancora grani Strampelli, senza che però se ne possa misurare la percentuale non essendo estrapolabili dagli altri PERCENTUALE DEI GRANI STRAMPELLI SUL TOTALE DELLA SUPERFICIE GRANARIA ITALIA
CONFRONTO 1932-1940
REGIONI 1932 % 1940 %
PIEMONTE 52,4 74,97
LIGURIA 17 28,13
LOMBARDIA 87,5 89,13
VENEZIA TRIDENTINA 27,3 37,5
VENEZIA EUGANEA 79,6 96
VENEZIA GIULIA 37,7 52,95
EMILIA 72,1 85,85
TOSCANA 15,6 38,6
MARCHE 19,1 40,5
UMBRIA 26,2 24,25
LAZIO 22,9 54,25
ABRUZZI E MOLISE 21,3 43,3
CAMPANIA 18,1 38,9
PUGLIA 31,7 44,47
BASILICATA 22,5 49,7
CALABRIA 32,9 34,5
SICILIA 16 25,2
SARDEGNA 16,5 61,3

Il dato diventa ancor più macroscopico se si va a scomporlo nelle diverse realtà italiane, e quel 51,8% medio, diventa 96 % nel Veneto, 89% in Lombardia, 85% in Emilia Romagna, per citare solo le regioni dove i frumenti Strampelli ebbero maggiore utilizzo, cosi come se ci si addentra nelle singole realtà provinciali, appare evidente come i frumenti creati a Rieti erano utilizzati sulla stragrande maggioranza della superficie a vocazione granaria della penisola.
Le differenze regionali mettono in evidenza un dato già ampiamente testimoniato, e cioè quello del ritardo del sud rispetto al nord, che si attesta sui valori già registrati nei primi anni trenta, migliorandoli in alcune aree come la Liguria dove i grani Strampelli passarono dal 17% del 1932 al 28 % del 1940, o il Piemonte che passò dal 52 al 78 %, cosi come il Lazio che passò dal 22 al 54 %.
Anche nel sud l’introduzione dei frumenti Strampelli fu elevatissima, ma scontando un ritardo storico, non si riuscì a raggiungere i livelli del centro-nord, anche se non può non essere rilevato come la Puglia passò dal 31% al 44%, la Basilicata dal 22 al 49%, e la Sardegna dal 16 al 61%, grazie soprattutto all’utilizzo del frumento duro Senatore Cappelli.
IMPIEGO DEI GRANI STRAMPELLI IN ITALIA NEL 1939-40
VALORI %
VECCHIE RAZZE RAZZE ELETTE TOTALE GRANI STRAMPELLI DAMIANO CHIESA MENTANA VILLA GLORI VIRGILIO SENATORE CAPPELLI TERMINILLO ROMA CARLOTTA DAUNO EDDA LITTORIO ARDITO
NORD 15,44 84,56 63,11 22,25 29,38 5,90 3,53 1,66 1,52 0,20
CENTRO 5,84 94,16 48,69 7,2 12,09 8,42 6,01 2,89 5,18 0,1 0,45 5,96 0,3
SUD 37,38 62,62 42,17 0,55 6,48 0,44 0,78 30,3 1,1 0,34 0,4 1,5 0,8
ISOLE 41,4 58,6 43,25 1,5 29,7 0,04 0,5 11,95
ITALIA 22,30 77,70 51,8 9,71 15,12 4,43 3,08 12,51 0,56 2,30 0,19 1,40 0,11 2,07 0,16

SUDDIVISIONE REGIONALE VECCHIE RAZZE RAZZE ELETTE
TOTALE GRANI STRAMPELLI DAMIANO CHIESA MENTANA VILLA GLORI VIRGILIO SENATORE CAPPELLI TERMINILLO ROMA CARLOTTA DAUNO EDDA LITTORIO ARDITO
NORD
PIEMONTE 4,35 95,65 74,97 31,88 24,87 14,31 0,7 3,21
LIGURIA 32,5 67,5 28,13 1 17,25 2,7 5,93 1,25
LOMBARDIA 1,8 98,2 89,13 57,4 26,7 3,33 1,7
VENETO 1 99 96 36,31 35,5 16,7 7,5
VEN. TRIDENTINA 28 72 37,5 30 7,5
VENEZIA GIULIA 25 75 52,95 8,75 42 1,1 1,1 10
TOTALE NORD 15,44 84,56 63,1 22,25 29,38 5,90 3,53 1,66 1,52 0,20
CENTRO
EMILIA 1 99 85,85 34,5 9,5 39,6 0,75 1,5
TOSCANA 7,2 92,8 38,6 1,5 14,2 10,5 3,2 7,9 1,3
MARCHE 2,4 97,6 40,5 22 2,5 1,25 14,75
UMBRIA 1 99 24,25 2,5 14 3,75 4
LAZIO 57 17,6 82,4 54,25 12,25 6 11,25 12,25 0,5 2,25 8,25 1,5
TOTALE CENTRO 5,84 94,16 48,6 7,2 12,09 8,42 6,01 2,89 5,18 0,1 0,45 5,96 0,3
SUD
ABRUZ. E MOLISE 24,2 75,8 43,3 4 0,9 2,4 25,6 3,2 7,2
CAMPANIA 57 36,6 63,4 38,9 10,1 1,1 25,5 0,8 1,4
PUGLIA 46,2 53,8 44,47 2,5 5,37 35 1,6
LUCANIA 21 79 49,7 0,25 0,25 48,3 0,6 0,3
CALABRIE 58,9 41,1 34,5 12,7 1,3 0,4 17,1 0,1 0,9 2
TOTALE SUD 37,38 62,62 42,1 0,55 6,48 0,44 0,78 30,3 1,1 0,34 0,4 1,5 0,8
ISOLE
SICILIA 55,1 44,9 25,2 0,7 24,5 0,08 0.8
SARDEGNA 37,7 62,3 61,3 2,3 34,9 1 23,1
TOTALE ISOLE 41,4 58,6 43,2 1,5 29,7 0,04 0,5 11,95

Testi tratti dal libro
La scienza del grano. Nazareno Strampelli e la granicoltura italiana tra le due guerre
di Roberto Lorenzetti
Roma, Mibac-Dga, Studi e ricerche, 2000.